----------------------- Padova: sgominato traffico droga con Spagna. In carcere titolare radio ed ex mala del Brenta | Notte Criminale

Padova: sgominato traffico droga con Spagna. In carcere titolare radio ed ex mala del Brenta


Gli agenti della mobile padovana, in collaborazione con quelli di Treviso, Venezia e con gli uomini del Reparto prevenzione crimine di Padova hanno interrotto un vasto traffico di droga proveniente dalla Spagna attraverso fornitori colombiani. 

Un traffico di cocaina proveniente dalla Spagna è stato infatti scoperto dalla Squadra mobile di Padova che dalle prime ore dell'alba, su ordine del pm della Procura euganea Federica Baccaglini, ha eseguito 15 misure cautelari, emesse dal gip Paola Cameran, e 22 perquisizioni. 

I nomi delle persone coinvolte nell'indagine sono Righetto Sandro, Padova, 46 anni il noto imprenditore radiofonico già arrestato per spaccio nell'agosto scorso;  Lana Nicoletta, proprio oggi 45 anni; Valentini Silvano, nato a Cadoneghe (PD), 50 anni; Mazzucato Francesco, Padova, 57 anni; Proni Marco, Padova , 52 anni; Zamengo Marisa, Camponogara (VE), 52 anni; Bellicchi Massimo, 40 anni, Treviso; Soggia Federico, Padova, 46 anni; Morello Romeo, Montebelluna (TV) 50 anni; Tommasini Pierina, Venezia, 56 anni; Noventa Silvano, Limbiate (MI), 55 anni; Cattelan Giuseppe, Eraclea (VE), 57 anni; Barollo Michele, Padova, 37 anni.

Le indagini degli investigatori della Polizia padovana, coordinate dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato, hanno permesso di individuare due gruppi criminali, interdipendenti che facevano arrivare la droga per poi smerciarla in parte nella provincia di Padova ed in parte in quelle di Treviso e Venezia. 

Elemento centrale dell'importazione della droga è un imprenditore padovano del settore radio televisivo e gestore di una nota radio locale. Importante il ruolo rivestito dalle numerose donne comparse nell'inchiesta denominata “Carlitos” e destinatarie di misure cautelari, tanto da poter essere considerate essenziali all'attività del gruppo criminale. Una di esse aveva il compito di minacciare i clienti morosi. Tra gli altri arrestati vi sono alcuni noti pregiudicati, in passato legati alla Mala del Brenta e che nel corso degli anni avevano mantenuto proficui rapporti con criminali in grado di esportare cocaina verso l'Italia. 

Uno degli indagati si vantava di abitare in una villa «inespugnabile», che denominava Fort Knox avendola imbottita di telecamere. Un'abitazione di uno degli indagati, in Padova, era divenuta una meta quotidiana di numerosissimi acquirenti (anche 15 in un giorno) attirati dall'elevata qualità della cocaina smerciata. Il gruppo padovano riforniva di cocaina le piazze del padovano, piovese, Casalserugo. 

Da tempo le indagini non facevano emergere una totalità di cittadini italiani dediti al traffico di droga. Gli indagati erano convinti che le forze dell'ordine fossero impegnate a contrastare soprattutto gli extracomunitari, particolarmente attivi nel Nord est in questo settore criminale.